𝑊𝒉𝒖𝒂𝒏𝒈 ð‘ŧ𝒛𝒖 𝒖𝒏 𝒄𝒂𝒑𝒐𝒍𝒂𝒗𝒐𝒓𝒐 ð‘ŧ𝒂𝒐 – 3. ð‘ģ’𝒂𝒓𝒕𝒆 𝒅𝒊 𝒏𝒖𝒕𝒓𝒊𝒓𝒆 𝒍𝒂 V𝒊𝒕𝒂

 
𝐞𝑙 ðķð‘Ē𝑜𝑐𝑜 𝐷𝑖𝑛𝑔 ð‘ ð‘Ąð‘Žð‘Ģ𝑎 𝑚𝑎𝑐𝑒𝑙𝑙𝑎𝑛𝑑𝑜 ð‘Ē𝑛 𝑏ð‘Ē𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑖𝑙 𝑝𝑟𝑖𝑛𝑐𝑖𝑝𝑒 𝑊𝑒𝑛 ðŧð‘Ē𝑖.
ðŋ𝑜 𝑠𝑜𝑟𝑟𝑒𝑔𝑔𝑒ð‘Ģ𝑎 𝑐𝑜𝑛 𝑙𝑒 𝑚𝑎𝑛𝑖 𝑒 ð‘Ģ𝑖 𝑠𝑖 𝑎𝑝𝑝𝑜𝑔𝑔𝑖𝑎ð‘Ģ𝑎 𝑐𝑜𝑛 𝑙𝑎 𝑠𝑝𝑎𝑙𝑙𝑎; 𝑖 𝑝𝑖𝑒𝑑𝑖 ð‘ ð‘Žð‘™ð‘‘ð‘Žð‘šð‘’ð‘›ð‘Ąð‘’ ð‘ð‘–ð‘Žð‘›ð‘Ąð‘Žð‘Ąð‘– 𝑎𝑙 𝑠ð‘Ē𝑜𝑙𝑜, 𝑙𝑜 ð‘ ð‘Ąð‘Ÿð‘–ð‘›ð‘”ð‘’ð‘Ģ𝑎 𝑐𝑜𝑛 𝑙𝑒 𝑔𝑖𝑛𝑜𝑐𝑐ℎ𝑖𝑎;
𝑖𝑙 𝑠ð‘Ē𝑜 ð‘ð‘œð‘™ð‘Ąð‘’ð‘™ð‘™ð‘œ 𝑎𝑓𝑓𝑜𝑛𝑑𝑎ð‘Ģ𝑎 𝑛𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑛𝑒 𝑐𝑜𝑚𝑒 𝑠𝑒 ð‘ ð‘Ąð‘’ð‘ ð‘ ð‘’ 𝑒𝑠𝑒𝑔ð‘Ē𝑒𝑛𝑑𝑜 𝑙𝑎 𝑑𝑎𝑛𝑧𝑎 𝑑𝑒𝑙 ð‘ð‘œð‘ ð‘â„Žð‘’ð‘Ąð‘Ąð‘œ 𝑑𝑒𝑖 𝑔𝑒𝑙𝑠𝑖 𝑜 𝑏𝑎𝑙𝑙𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑎𝑙 ð‘Ÿð‘–ð‘Ąð‘šð‘œ 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑚ð‘Ē𝑠𝑖𝑐𝑎 ð―ð‘–ð‘›ð‘”ð‘ â„Žð‘œð‘Ē.
𝐞𝑙 𝑝𝑟𝑖𝑛𝑐𝑖𝑝𝑒 𝑊𝑒𝑛 ðŧð‘Ē𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑠𝑒: ÂŦðļð‘ð‘ð‘’ð‘™ð‘™ð‘’ð‘›ð‘Ąð‘’! ðķ𝑜𝑚𝑒 𝑝ð‘Ē𝑜Ė€ 𝑙𝑎 ð‘Ąð‘Ē𝑎 ð‘Žð‘Ÿð‘Ąð‘’ 𝑔𝑖ð‘Ē𝑛𝑔𝑒𝑟𝑒 𝑎 ð‘Ąð‘Žð‘›ð‘Ąð‘œ?”
𝐞𝑙 𝑐ð‘Ē𝑜𝑐𝑜 𝐷𝑖𝑛𝑔 𝑝𝑜𝑠𝑜Ė€ 𝑖𝑙 ð‘ð‘œð‘™ð‘Ąð‘’ð‘™ð‘™ð‘œ 𝑒 𝑟𝑖𝑠𝑝𝑜𝑠𝑒:
“ðķ𝑖𝑜Ė€ 𝑑𝑖 𝑐ð‘Ē𝑖 𝑖𝑙 ð‘Ģð‘œð‘ ð‘Ąð‘Ÿð‘œ 𝑠𝑒𝑟ð‘Ģ𝑜 𝑠𝑖 𝑐ð‘Ē𝑟𝑎 𝑒Ė€ 𝑖𝑙 𝑇𝑎𝑜, 𝑐ℎ𝑒 ð‘Ģ𝑎 𝑏𝑒𝑛 ð‘œð‘™ð‘Ąð‘Ÿð‘’ ð‘™â€™ð‘Žð‘Ÿð‘Ąð‘’.
𝑈𝑛 ð‘Ąð‘’ð‘šð‘ð‘œ 𝑞ð‘Ē𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑖𝑛𝑐𝑖𝑎𝑖 𝑎 𝑚𝑎𝑐𝑒𝑙𝑙𝑎𝑟𝑒 𝑏ð‘Ē𝑜𝑖, ð‘Ģ𝑒𝑑𝑒ð‘Ģ𝑜 𝑠𝑜𝑙𝑜 𝑙𝑎 ð‘ð‘’ð‘ ð‘Ąð‘–ð‘Ž ð‘–ð‘›ð‘Ąð‘’ð‘Ÿð‘Ž. 𝐷𝑜𝑝𝑜 3 𝑎𝑛𝑛𝑖 𝑛𝑜𝑛 ð‘Ģ𝑒𝑑𝑒ð‘Ģ𝑜 𝑝𝑖ð‘ĒĖ€ 𝑙𝑎 ð‘ð‘’ð‘ ð‘Ąð‘–ð‘Ž 𝑛𝑒𝑙 𝑠ð‘Ē𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑙𝑒𝑠𝑠𝑜. 𝑂𝑟𝑎 𝑛𝑜𝑛 ð‘Ē𝑠𝑜 𝑝𝑖ð‘ĒĖ€ 𝑛𝑒𝑚𝑚𝑒𝑛𝑜 𝑔𝑙𝑖 𝑜𝑐𝑐ℎ𝑖, 𝑚𝑎 𝑠𝑜𝑙𝑜 𝑙𝑜 ð‘ ð‘ð‘–ð‘Ÿð‘–ð‘Ąð‘œ.
ðŋ𝑎 ð‘šð‘’ð‘›ð‘Ąð‘’ 𝑠𝑖 ð‘Žð‘Ÿð‘Ÿð‘’ð‘ ð‘Ąð‘Ž 𝑒 𝑙𝑜 ð‘ ð‘ð‘–ð‘Ÿð‘–ð‘Ąð‘œ 𝑎𝑔𝑖𝑠𝑐𝑒, 𝑠𝑒𝑐𝑜𝑛𝑑𝑜 𝑙𝑎 ð‘ ð‘Ąð‘Ÿð‘Ēð‘Ąð‘Ąð‘Ē𝑟𝑎 ð‘›ð‘Žð‘Ąð‘Ē𝑟𝑎𝑙𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑛𝑒. 𝐞𝑙 𝑚𝑖𝑜 ð‘ð‘œð‘™ð‘Ąð‘’ð‘™ð‘™ð‘œ 𝑎𝑓𝑓𝑜𝑛𝑑𝑎 𝑛𝑒𝑔𝑙𝑖 ð‘–ð‘›ð‘Ąð‘’ð‘Ÿð‘ ð‘Ąð‘–ð‘§ð‘– 𝑒 𝑛𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑐𝑎ð‘Ģð‘–ð‘Ąð‘ŽĖ€, 𝑛𝑜𝑛 ð‘Ąð‘Žð‘”ð‘™ð‘–ð‘Ž 𝑚𝑎𝑖 ð‘Ē𝑛 ð‘™ð‘’ð‘”ð‘Žð‘šð‘’ð‘›ð‘Ąð‘œ, 𝑚𝑒𝑛𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑚𝑎𝑖 ð‘Ē𝑛 𝑜𝑠𝑠𝑜.
𝑈𝑛 𝑏ð‘Ē𝑜𝑛 𝑐ð‘Ē𝑜𝑐𝑜 𝑐𝑎𝑚𝑏𝑖𝑎 𝑖𝑙 𝑠ð‘Ē𝑜 ð‘ð‘œð‘™ð‘Ąð‘’ð‘™ð‘™ð‘œ ð‘Ē𝑛𝑎 ð‘Ģð‘œð‘™ð‘Ąð‘Ž 𝑎𝑙𝑙’𝑎𝑛𝑛𝑜.
𝑈𝑛 𝑐ð‘Ē𝑜𝑐𝑜 𝑚𝑒𝑑𝑖𝑜𝑐𝑟𝑒 ð‘Ē𝑛𝑜 𝑎𝑙 𝑚𝑒𝑠𝑒, 𝑝𝑒𝑟𝑐ℎ𝑒Ė 𝑙𝑜 ð‘Ē𝑠𝑎 𝑐𝑜𝑚𝑒 ð‘Ēð‘›â€™ð‘Žð‘ð‘ð‘’ð‘Ąð‘Ąð‘Ž. 𝐞𝑙 ð‘Ģð‘œð‘ ð‘Ąð‘Ÿð‘œ 𝑠𝑒𝑟ð‘Ģ𝑜 𝑠i 𝑠𝑒𝑟ð‘Ģ𝑒 𝑑𝑖 𝑞ð‘Ēð‘’ð‘ ð‘Ąð‘œ ð‘ð‘œð‘™ð‘Ąð‘’ð‘™ð‘™ð‘œ 𝑑𝑎 𝑑𝑖𝑐𝑖𝑎𝑛𝑛𝑜ð‘Ģ𝑒 𝑎𝑛𝑛𝑖 𝑒 ℎ𝑎 ð‘šð‘Žð‘ð‘’ð‘™ð‘™ð‘Žð‘Ąð‘œ 𝑐𝑜𝑛 𝑒𝑠𝑠𝑜 𝑚𝑖𝑔𝑙𝑖𝑎𝑖𝑎 𝑑𝑖 𝑏ð‘Ē𝑜𝑖, 𝑒𝑝𝑝ð‘Ē𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑠ð‘Ē𝑎 𝑙𝑎𝑚𝑎 𝑒Ė€ 𝑎𝑛𝑐𝑜𝑟𝑎 ð‘Žð‘“ð‘“ð‘–ð‘™ð‘Žð‘Ąð‘Ž 𝑐𝑜𝑚𝑒 𝑠𝑒 𝑓𝑜𝑠𝑠𝑒 𝑎𝑝𝑝𝑒𝑛𝑎 ð‘Ēð‘ ð‘ð‘–ð‘Ąð‘Ž 𝑑𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑚𝑜𝑙𝑎.”
 
Dopo i primi 2 capitoli che ci hanno introdotto ai concetti filosofici fondamentali del Tao, ecco un capitolo che tratta i risvolti pratici del vivere nel Tao.
In questo capitolo, che ÃĻ corto, e presto capiremo perchÃĐ, Zhuangzi ci parla del famoso Wei Wu Wei, azione non-azione (o agire senza agire), da alcuni erroneamente chiamato solo Wu Wei, cioÃĻ non-azione (non-agire), erroneamente perchÃĐ fuorviante come vedremo presto.
Cominciamo subito col dire che questo concetto ÃĻ molto utile e lontano intellettualmente a noi occidentali.
Nella nostra cultura l’uomo forte e vincente ÃĻ colui che sfida il destino, colui che riesce a piegare, con la sua forza (Diomede), col suo ingegno (Ulisse), con la sua divinità (Achille) il fato e il volere degli dei. In ogni caso, che si tratti di forza, ingegno o talento, l’uomo lotta e deve lottare per avere successo. Questo ci viene insegnato fin da piccoli. Ariosto ci insegna che gli uomini sono come navi nel mare, preda dei venti, delle tempeste, soggetti alla deriva, solo gli eroi sono coloro che riescono a navigare, a volte usando la corrente, a volte remando controcorrente, solo essi riescono ad approdare al porto desiderato.
Tutto il nostro concetto occidentale di uomo forte si basa su questa idea, sulla capacità di dominare e asservire la natura, gli altri esseri viventi, inclusi gli uomini, e le forze dell’universo. È un argomento interessante che pone il punto su una differenza sostanziale tra occidente e oriente sul versante filosofico.
Ding il cuoco, spiega al suo principe l’arte dell’azione nel Tao. Egli all’inizio vedeva il bue, (il mondo delle 10.000 cose) e poichÃĐ non sapeva tagliarlo bene, il coltello doveva essere affilato spesso, una volta al mese. Tagliare incontrando ossa, legamenti e articolazioni, come ben sappiamo, ci rovina la lama, questo ÃĻ l’agire dell’uomo comune nel mondo, cercando di non seguire la corrente del Tao. Per questo il nostro coltello deve essere affilato nuovamente e spesso. Ma a poco a poco il cuoco comincia a non vedere piÃđ il bue per ciÃē che appare nel mondo, incomincia a percepirlo per ciÃē che ÃĻ nel mondo dello Spirito. Egli si armonizza sempre piÃđ con esso su piani piÃđ sottili ed ecco che il nostro coltello deve essere affilato 1 sola volta all’anno.
In questa fase il cuoco non ÃĻ ancora immerso completamente nel Tao, ma sta percorrendo il percorso e ne vede i frutti tangibili. Capisce che tagliare solo la carne ÃĻ la cosa giusta, e dove ci sono parti piÃđ dure e comunque non adatte ad essere tagliate, egli si deve fermare e passare oltre senza intervenire.
Questo ÃĻ un processo di comprensione e di consapevolezza molto sottile, in quanto si possono leggere tutti i libri di anatomia e conoscere nei minimi dettagli la costituzione dell’animale, ma questo non farà mai di noi un ottimo macellaio. E parimenti non farà di noi un ottimo cuoco neanche il continuare a macellare buoi come si ÃĻ sempre fatto.
Per diventare il cuoco Ding ÃĻ necessario unire la pratica continua con una consapevolezza di cosa significhi tagliare la carne nella sua dimensione piÃđ profonda, ossia fare di ciÃē che facciamo un’arte, anche quando essa non appare come arteâ€Ķcome nel caso del macellaio che taglia la carne.
Ecco perchÃĐ Zhuangzi sceglie il cuoco e il taglio della carne: essere immerso nel Tao non significa essere un asceta che filosofeggia e si cura di calligrafia o musica in una grotta lontana, rimanendo staccato dalle difficoltà della vita del mondo materiale. Qui vi ÃĻ una differenza sostanziale tra il monaco Tao e il “Sanyasi” o asceta indiano: il primo puÃē vivere sia isolato che nel mondo senza alcuna particolare preferenza, egli si lascia guidare dalla vita ovunque essa lo porti, il Sadhu invece pratica la rinuncia “attiva” e vivendo nella foresta in piena povertà rifiuta ogni parte del mondo che possa essere per lui fonte di attaccamento o distrazione materiale.
Zhuang Zi ci mostra come il Tao abbia delle connotazioni molto specifiche che rendono unico questo approccio mistico-filosofico verso la vita, sia rispetto all’occidente che all’India stessa.
Essere veramente un praticante Tao significa essere in grado di vivere nel mondo delle 10.000 cose e riuscire a rimanere immersi e imperturbati nel Tao, qualsiasi cosa ci chieda di fare, dal grande diplomatico o persino re (come Marco Aurelio, che nella sua scelta di diventare imperatore controvoglia ha sicuramente fatto un gesto di accettazione nel Tao) fino all’ultimo mendicante della strada.
Zhuang zi sceglie dunque un macellaio volutamente, come sempre col suo divertente senso del paradosso e dello humor. Il Macellaio insegna al Principe. Spesso nello Chuang Tzu i ruoli si invertono.
Cosa ÃĻ dunque il wei wu wei? Non ÃĻ, come molti intendono, soprattutto in occidente, la “non azione”, cioÃĻ l’astenersi dall’agire, questa ÃĻ una lettura semplicistica che pone molti occidentali nella comoda situazione di passare da una smodata iperattività ad una altrettanto sbagliata ipoattività.
L’azione non azione ÃĻ bensÃŽ l’agire in conformità piena al Tao. Quando si ÃĻ completamente immersi nel Tao e ci si lascia andare alla sua corrente in piena arrendevolezza e grazia, ecco che esso ci fa “cantare” proprio come i tronchi della foresta che abbiamo visto nel secondo capitolo. Quando avviene questo, nello Spirito del Tao, si compie la “azione non azione”.
L’azione non azione ÃĻ quindi azione, chiariamolo, ma essa non ÃĻ guidata dalla nostra singolarità, dalla nostra presenza nel mondo.
Il monaco Tao si svuota della propria singolarità quando agisce nell’azione non azione. Ritengo il termine ego fuorviante in questa trattazione poichÃĐ si dà ad esso un’accezione negativa, mentre in questo contesto non si vuole dare un giudizio sull’essere singolo in sÃĐ, ma si vuole semplicemente intendere che nel Tao l’essere entra in ascolto e armonia con l’intero universo e quindi non solo l’ego, ma tutta la sua singolarità viene ad essere trascesa.
Questo ulteriore passaggio ÃĻ importante per capire dove la filosofia Tao ci vuole portare, altrimenti, rimanendo alla sola (e solita) necessità di trascendere il livello dell’ego, faremmo comunque una scelta attiva, utilitaristica e quindi, infine, personale, e questo non sarebbe wei wu wei.
Nel wei wu wei del Tao questo discorso, questa lotta verso l’ego, ÃĻ assente, qui si va oltre tutta la singolarità, non solo in fase negativa ma anche positiva (gli eroi occidentali).
Spero di aver reso con la dovuta sintesi questo aspetto non di poco conto.
Abbiamo già visto infatti (sempre nel Cap 2) come nel Tao il concetto di giusto o sbagliato, in contrapposizione al confucianesimo, ÃĻ considerato come un basso livello di comprensione del mondo.
Nel wei wu wei, entrando completamente nel Tao e divenendo il Tao noi stessi, entriamo nel flusso della vita, nel flusso dell’universo e respiriamo con esso.
Quiete della mente, apertura allo Spirito dell’universo, arrendevolezza, fiducia, grazia, presenza nel momento. Raggiungendo tutto questo, le nostre azioni sorgeranno spontaneamente in noi senza alcuno sforzo, esse ci dirigeranno dove il Tao ci vuole portare e la nostra visione di ciÃē che accade e ci accade diverrà sempre piÃđ chiaro e acuto. E tutto questo non solo ci permetterà di vivere senza combattere e senza sforzo, ma ci arricchirà interiormente di una energia vivificante dato che vivere in armonia col Tao significa raccogliere la forza della sua corrente.
Arriveremo inoltre all’assenza di giudizio.
Ecco che noi occidentali rimaniamo spiazzati. Ci ÃĻ stato insegnato di lavorare duro, essere ambiziosi, che il successo ÃĻ nel conquistare e controllare, analizzare; tuttavia sappiamo bene come molti di noi soffrono di depressione, ansietà, iperemotività e insonnia.
PuÃē essere lo studio, e soprattutto la pratica del Tao una risposta a tutto questo?
Confondiamo la passività con la pigrizia? La gentilezza con la paura? L’astensione dal parlare e l’ascolto con la mancanza di idee?
Crediamo che i risultati del nostro mondo provengano unicamente dalle nostre azioni, e questo genera in molti di noi un esagerato senso di responsabilità. Ma ad un esame attento, la maggior parte di ciÃē che avviene ÃĻ formato da un insieme di forze, e molte di queste non sono in nostro controllo e spesso non sarebbe necessario preoccuparsi eccessivamente di ciÃē che il piÃđ delle volte avviene in modo naturale.
Certo, il nostro esserci non va annullato, ma esso va posto nella giusta ottica e dimensione attiva. L’uomo non necessita di intervenire sempre e in modo invasivo per far avvenire le cose, anzi spesso la natura vede e provvede, semplicemente, portando le cose nella giusta direzione.
Eccoci di fronte al flusso del fiume: possiamo decidere di nuotare contro la corrente, possiamo decidere di rimanere aggrappati a qualche ramo, o possiamo decidere di lasciarci andareâ€Ķdolcementeâ€Ķcon la corrente.
Siamo stati programmati per nuotare spesso controcorrente, a volte inconsapevolmente, in un trionfo dell’ego che porta allo sfinimento e all’incomprensione di cosa sia la nostra vita e la nostra missione nel Tao stesso. PerchÃĐ nuotare controcorrente o rimanere aggrappati non ci permette di capire la forza del Tao e tantomeno il nostro ruolo e potenzialità in esso.
A prescindere dal Tao, l’uomo infatti non controlla quasi nulla nella sua vita, nonostante il suo incessante agire attivo: non controlla la salute del proprio corpo, non controlla gli uomini, neppure i piÃđ vicini, non controlla l’esito delle sue azioni, non controlla il futuro, persino di chi si innamora e da chi ÃĻ attratto. Non ÃĻ buffo tutto questo affannarsi alla luce di queste considerazioni?
Fluire nel fiume ci permette invece di allinearci spontaneamente con il corso degli eventi, non vi ÃĻ resistenza, e l’azione diviene non azione poichÃĐ sorge spontaneamente senza la nostra volontà. Ecco che ÃĻ proprio l’acqua di questo fiume, dove vive il grande pesce Kun, che ci dà l’azione, la sua azione da compiere. L’acqua ci fa da maestra nel fiume, essa ÃĻ umile e si adatta senza alcun problema al corso del fiume, porta nutrimento a tutte le creature e non compete con nessuna di esse, si raccoglie in posti nascosti per poi riemergere prepotentemente, essa non ha obiettivi, desideri o meteâ€Ķessa fluisce instancabilmente dove la porta il letto del fiume e cosÃŽ essendo essa rappresenta il Tao stesso.
Quando siamo immersi in essa e ci lasciamo fluire, ci liberiamo dalla pressione, dall’ansietà del risultato, dagli insuccessi del passato, dalla paura del futuro.
Siamo solo noi con ciÃē che viviamo, e l’unica dimensione temporale che percepiamo ÃĻ il presente, il fluire presente con il suo profumo naturale e lento.
Riusciamo a lasciar andareâ€Ķlasciar andare, tuttoâ€Ķ noi stessi, la vita che fluisce, il vento, il brusio del mondoâ€Ķnon vi ÃĻ attaccamento, preoccupazione, futuro, passatoâ€Ķnon vi ÃĻ altro che pura percezione della coscienza e del mondoâ€Ķ e in questo stato viviamo senza esitazione la pienezza dell’essere, in semplicità, armonia.
Questo ÃĻ il Tao, nell’azione non azione, nel fiume del pesce Kun.
Buon viaggio, maestro macellaio.
 

Autore: Federico Gualdi. Seguimi su Facebook