MALEFICENT – PRIMA parte: Capolavoro di simbolismo rovesciato

Maleficent-2014-Movie-Poster200x300

C’è talmente tanto da dire (fino a riempire un libro) che indicherò subito le tesi che andrò a dimostrare in seguito (con calma e dovizia di particolari) al fine di sgombrare il campo da possibili equivoci:

    1. MALEFICENT 1 e 2 (da considerarsi come un tutt’uno, per cui se non diversamente indicato quello che dico vale sia per il primo che per il secondo) non è un film per bambini e nemmeno per famiglie (questo non ho bisogno di dimostrarlo 😂).
    2. MALEFICENT è l’archebolo (il simbolo che indica l’archetipo) di LUCIFERO/SATANA nella versione femminile individuata, identificata da LILITH.
    3. MALEFICENT è la versione femminile del CRISTO salvatore dell’umanità e non solo dell’umanità, anche di tutti i dannati/emarginati/demoni/diavoli.
    4. MALEFICENT è l’archebolo della DEA-MADRE.
    5. MALEFICENT/LILITH è l’archebolo del principio femminile che si separa da quello maschile, dando vita al principio DUE (anima e animus, sono quindi separati). Lilith che si ribella ad Adamo, da cui l’archebolo della LUNA NERA.
    6. MALEFICENT è l’archebolo del bene/luce e non del male/oscurità, come invece l’etimologia del nome (malefica = portatrice di male) vorrebbe far intendere, da qui l’asserzione del titolo: “capolavoro di simbolismo rovesciato” e dell’associazione con LUCIFERO (lucifero = portatore di luce). Ne consegue che Maleficent è anche l’archebolo della FENICE.
    7. gli sceneggiatori di MALEFICENT sono dei “satanisti”, però nella versione rivista di Satana, cioè nella versione in cui Satana è l’archebolo del bene e non del male, quindi sono dei “luciferisti” 😂, inoltre sono delle “femministe” sfegatate, con un’ottima preparazione nel campo degli archeboli, del mito e della psicologia junghiana.
    8. la BRUGHIERA è il luogo “incantato/fatato/maledetto/indemoniato” in cui si rifugia LILITH, dopo aver “litigato” con Adamo e aver “disobbedito” al DIO-maschilista; rappresenta, insomma, la parte del paradiso terrestre incontaminata, dopo la cacciata di Adamo e Eva, a cui l’uomo non può più accedere. Solo alla fine di Maleficent 2, con l’unione mistica tra Aurora (Anima/Principio femminile) e Filippo (Animus/Principio maschile), l’uomo può tornare nel Paradiso terrestre, infatti la Brughiera si allarga, si estende a tutto il mondo.
    9. Il film MALEFICENT come “via” d’iniziazione.

Direi per il momento di fermarci qui. Cosa ne pensi?

Prima di proseguire un piccolo quiz (spero stuzzichi il tuo appetito) a cui purtroppo può rispondere solo chi ha visto Maleficent 2:
perché, all’inizio del film, prima che Maleficent faccia il suo ingresso nella sala reale del RE e della REGINA (rispettivamente padre e madre del principe Filippo, futuro sposo di Aurora) la freccia, che parte dalla balestra tenuta dalla regina, finisce conficcata nella testa della statua rappresentante il grifone e non nella statua rappresentante il caprone? E soprattutto, che “cavolo” ci fanno proprio quelle due statue nella stanza?

Se poi voleste acquistare il libro giusto al fine di una corretta risposta, vi consiglio Luca Frigerio, Bestiario medioevale, ed. Ancora. In alternativa c’è sempre internet, in questo caso, basta scrivere “simbolo grifone” e, poi, “simbolo caprone”.

 

This entry was posted in Archebologia & Simbologia (articoli), Varie (articoli) by Thorosan. Bookmark the permalink.

About Thorosan

Io non conosco l’inglese, il francese, lo spagnolo e il tedesco. Io non conosco il sanscrito, il pali, il greco e il latino. Io non conosco l’arabo, l’ebraico e l’aramaico. Io non conosco il cinese antico o moderno, il giapponese, il russo o qualsiasi altra lingua. Io non sono uno storico delle lingue e tanto meno un filologo. Io conosco una sola lingua: la mia! Spesso incespico nelle parole. Non sono bravo a scrivere e a parlare. Tutto ciò che dico o scrivo mi costa fatica. Io non conosco il buddismo, il taoismo, il cristianesimo, il sufismo, l’islamismo. Io non sono uno storico di religione. Io non sono un accademico. Io non sono un fisico, un chimico, un ingegnere, un architetto, un medico, un matematico, uno psicologo, un sociologo o un filosofo. Io non sono questo! Io sono un semplice uomo, che vaga nella notte con la sua lanterna. Io non vedo lontano. Riesco solo a vedere i miei passi, grazie alla fievole luce emanata dalla fiamma della lanterna. Cerco di non cadere. Faccio molta attenzione a dove metto i piedi. Lungo la strada, tenendo gli occhi sempre aperti, se trovo qualche pietra particolare la raccolgo. Le pietre, per fortuna, appartengono a chi le trova. Io sono un raccoglitore di pietre!

Lascia un commento