Hanami Sakura – Ciliegi Fioriti

Da vedere ed ascoltare


Ogni anno, in primavera, tra i primi di aprile e la metà di maggio, il Giappone rivive la festa dei ciliegi in fiore, Hanami. E’ commovente e poetica la partecipazione dei giapponesi a questo evento: in tutti i Parchi si riversa una moltitudine di persone che intende godere dello spettacolo dello sbocciare del fiore del ciliegio( Sakura) .

La festa si svolge quando la fioritura è al culmine ; ci si reca di buon mattino per occupare i posti migliori e stendendo dei teli per terra ci si lascia sfiorare dalla caduta dei leggeri petali , dimentichi degli affanni della vita quotidiana . Hanami tocca tutto il territorio del Giappone dal settentrione al meridione : partendo prima da Okinawa ,poi toccando Tokio per arrivare più tardi nell’isola di Hokkaido. L’evento è anche motivo di incontro e gioia per trascorrere momenti all’aria aperta ; si mangia e si beve tè e sakè; si ascolta musica e ci si ritrova tra amici . Nulla sembra perduto di quell’incanto così ben trasportato da Hiroshige nei suoi dipinti , quasi il tempo si fosse fermato in quel magico mondo del Sol Levante .
Sottofondo musicale : John Williams – Becoming a Geisha

Se hai voglia di ascoltare un racconto su “Due Ciliegi Innamorati”, con relativa analisi e commenti ti suggerisco la mia versione http://www.archeboli.it/2012/07/06/i-due-ciliegi-innamorati. Se però hai solo voglia di ascoltare, allora dovrai accontentarti del video http://www.archeboli.it/2012/10/12/i-due-ciliegi-innamorati-2/.

Sempre se hai tempo e il tuo psichismo non consiglia diversamente ascolta un canto tradizionale giapponese dal titolo, ovviamente, “sakura” interpretato da Giuni Russo

_______________________
Se ti interessa il nostro “lavoro” saremmo felicissimi di accoglierti nel gruppo su Facebook https://www.facebook.com/groups/archeboli/
Se hai tempo e voglia, potresti dare una sbirciatina al sito del curatore del Blog,  http://www.archeboli.it oppure alla sua vetrina su www.lulu.com

This entry was posted in VIDEO by Thorosan. Bookmark the permalink.

About Thorosan

Io non conosco l’inglese, il francese, lo spagnolo e il tedesco. Io non conosco il sanscrito, il pali, il greco e il latino. Io non conosco l’arabo, l’ebraico e l’aramaico. Io non conosco il cinese antico o moderno, il giapponese, il russo o qualsiasi altra lingua. Io non sono uno storico delle lingue e tanto meno un filologo. Io conosco una sola lingua: la mia! Spesso incespico nelle parole. Non sono bravo a scrivere e a parlare. Tutto ciò che dico o scrivo mi costa fatica. Io non conosco il buddismo, il taoismo, il cristianesimo, il sufismo, l’islamismo. Io non sono uno storico di religione. Io non sono un accademico. Io non sono un fisico, un chimico, un ingegnere, un architetto, un medico, un matematico, uno psicologo, un sociologo o un filosofo. Io non sono questo! Io sono un semplice uomo, che vaga nella notte con la sua lanterna. Io non vedo lontano. Riesco solo a vedere i miei passi, grazie alla fievole luce emanata dalla fiamma della lanterna. Cerco di non cadere. Faccio molta attenzione a dove metto i piedi. Lungo la strada, tenendo gli occhi sempre aperti, se trovo qualche pietra particolare la raccolgo. Le pietre, per fortuna, appartengono a chi le trova. Io sono un raccoglitore di pietre!

Lascia un commento